Ricomposizione a libro montato di carte solidali staccate

Reconstitution of conjoined leaves on bound volumes

Un esempio di intervento di messa in sicurezza dei volumi digitalizzati è la ricomposizione di carte solidali volanti a libro montato. Consapevoli dell’importanza di preservare l’integrità codicologica e bibliografica del volume, senza alterarne la fascicolazione storica, i restauratori riancorano le carte volanti alla loro solidale, in modo da ricomporre il bifoglio senza dover scucire il volume. Si preparano strisce di carta giapponese di idonea grammatura e tonalità cromatica da collocare tra le stazioni di cucitura. Si taglia lo stesso numero di strisce di polietilene, aventi un’estremità a punta, e si inseriscono tra le stazioni di cucitura là dove le due metà del bifoglio andranno collocate all’interno del fascicolo.

 

Si adagiano le strisce di carta giapponese sulle strisce di polietilene; poi si piega ogni striscia di polietilene su sè stessa, intrappolando così la carta giapponese. Tirando il polietilene dalla estremità appuntita si fa passare “il sandwich” parzialmente al di sotto della piega. A questo punto la carta giapponese si trova a cavallo del bifoglio nella posizione desiderata. La fascia di polietilene viene rimossa e le due opposte estremità della carta giapponese sono sfibrate e adese rispettivamente alle due carte solidali, ben ricollocate all’interno del volume, reintegrando in questo modo la piega del bifoglio.

 

An example of treatments aimed at securing the volumes to be digitized is the reconstitution of separated conjoined leaves on bound volumes. Being aware of the importance of preserving the codicological and bibliographical integrity of the volume without altering the historical quire structure, each leaf broken at the fold is always reattached to their conjoined, so to reconstitute the bifolium without having to take the sewing apart. This is attained by preparing strips of Japanese paper of the right weight and colour between the sewing stations.

 

An equal number of polythene strips, pointed at one side to facilitate their insertion in between the other sewn leaves, are cut and are inserted at the fold between the sewing stations where the two halves of the bifolium have to be placed within the gathering. The Japanese paper strips are positioned on top of the polythene, which is then folded over ─ sandwiching the paper ─ and partially inserted under the sewn leaves at the fold. By pulling the pointed side of the polythene, the sandwiched Japanese paper is pulled along with the polythene and is so positioned across the fold in the desired position. The polythene strip can then be removed, and the Japanese paper strips are trimmed at both ends to the right size and pasted over the two leaves to be re-joined in their rightful place within their quire structure, thus mending the original fold of the bifolium.

 

Figura 1 Inserimento della fascia in polietilene/Inserting the polythene strip

 

Figura 2 Passaggio della carta giapponese favorito con l’ausilio del polietilene/Pulling the Japanese paper strip across the fold with the help of the polythene

Japanese paper strip

 

Figura 3 Carta giapponese a cavallo del fascicolo/Japanese paper strip across the fold